Questa società gioca sulla memoria corta.

Sì, perché con la sovraesposizione all’informazione di questa epoca chi si ricordava che l’anno scorso, il 1° luglio, fu fatta la “sensazionale” scoperta del quasar più luminoso dell’Universo?

Ovviamente il giorno dopo divenne il “quasar più antico” dell’Universo.

Ed ecco tra entusiasmi immotivati che l’opinione pubblica ogni volta festeggia e gli scienziati ottengono finanziamenti.

Nel 2003 ho letto “Il Tao della fisica” e molte lampadine mi si sono accese; successivamente ho incontrato molti insegnamenti sciamanici e orientali e li ho studiati approfonditamente. Vi giuro che la mia esperienza con quel tipo di conoscenza è incredibilmente viva, nutriente, intuitiva. E non necessita di misurazione!

Intere cosmogonie trovano il loro posto, spiegazioni plausibili, ipotesi da brivido, immaginazione, creatività, connessioni e interconnessioni.

Ma quando leggo di un entusiasmo per qualcosa che pesa 3,5 · 10-25 Kg ovvero 0,000000000000000000000000035 Kg mi innervosisco.

Sì, perché questa cosa può esser osservata solo al CERN, e si aggiunge alle altre 11 particelle infinitesimali che possono esser osservate nell’acceleratore costato 6 miliardi di €, finanziato da quella tipologia di industria che vorrebbe farvi venir paura dell’influenza per farvi vaccinare tutti… o peggio del cancro, per farvi fare ogni tot mesi uno screening costosissimo che Veronesi e i suoi stanno architettando, tra l’altro con un nome fasullo (magic box) visto che l’unica magia che farà sarà arricchire la Fondazione Veronesi.

Una mia bisnonna ha vissuto 96 anni, l’altra 102, un bisnonno 94 e quando era in fin di vita aveva (facendo colazione con pane, cipolla e vino) ancora i denti suoi.

Ridicolo che vogliano ricostruire una parvenza di salute in vitro, dopo aver preso per 50 anni decisioni imbecilli rispetto a cos’è veramente salutare e cosa no.

Ma ognuno è libero di pensare quel che vuole, basta che non lo faccia coi miei soldi.

L’Italia ha investito 480 milioni in 6 anni per trovare il bosone di Higgs.

E io mi chiedo: ma investire tutti quei 6 miliardi dell’acceleratore (per non parlare delle spese spaziali) in ricerca di fonti rinnovabili a basso costo?

Sono stufo di veder marketing e propaganda di bassa lega applicate alla scienza.

La particella maledetta, solo per una scelta editoriale è stata chiamata col nome ridicolo a cui molti inneggiano.

Smettetela di inneggiare allo spreco.

La vita è splendida anche senza sapere che un qualcosa di intuito negli anni 60 è stato oggi misurato.

Il mio approccio è questo: se lo intuisco già mi permette di rifletterci sopra, non ho bisogno di pesarlo. Altrimenti non avrei avuto l’intuito.

Spero nel luglio 2013 al CERN non cerchino di nuovo di infinocchiarci.

6 responses


Do you want to comment?

Comments RSS and TrackBack Identifier URI ?

condivido pienamente.
i testi Himalayani e di filosofia metafisica ne hanno parlato da millenni.
Tutto questo polverone mediatico , proprio solo per ottenere montagne di finanziamenti.
Ciononostante i tempi stanno cambiando: questi imbroglioni hanno poco tempo

07/06/2012 09:28

Bene! Mi fa piacere sapere che condividi e apprezzo questa speranza nell’inevitabile cambiamento di cui siamo spettatori e attori.
Un abbraccio
Luca

07/06/2012 09:58

Pubblico, d’accordo con la mia amica SaFu il nostro carteggio di ieri:

SaFu: Anche questo é vero…ma non può essere che queste scoperte sulla base della materia esistente, contribuiscano al miglioramento di vari sistemi di approvvigionamento di energie rinnovabili?…
Un abbraccio e un dubbio in più..

Io: Questo è il modo in cui giustificano l’allunaggio… il kevlar e la tv satellitare…
Infatti non dico di eliminare la ricerca scientifica, ma indirizzarla per il bene collettivo più alto.
Non trovi?

SaFu: Trovo…ma lasciami almeno il gusto di esultare per questa nuova conferma dell’eccellenza italiana e piangere e imprecare per la povera scuola italiana!!!

Io: Non è eccellenza italiana.
E ignavia mondiale.
Se ti dicono che esistono 12 particelle infinitesimali o 13 e tutto è teorizzato con il modello standard o il modello simmetrico… a te, a me, e a tutto il collettivo umano non cambia nulla.

Sono disquisizioni tipo “Adamo aveva l’ombelico?”…
Io dopo aver letto il Tao della Fisica o esser stato al concerto di Jovanotti ho intuizioni di maggior portata rispetto alla comprensione del bosone!
Stanno discutendo se Einsten aveva ragione o no.

Sai come raccontano la nascita del Tutto i nativi americani? Si parla di conoscenze tramandate già 70.000 anni fa!!!
Nella scuola italiana ci hanno raccontato che le prime civiltà risalgono al 10000 – 3500 a. C., perché per loro la scrittura e il non nomadismo sono indici di civiltà…

SaFu: Oggi vado a competare il libro che hai letto…”il Tao della Fisica”…almeno mi faccio un’opinione che, sinceramente, non ho…

07/06/2012 10:06

Dici: “L’Italia ha investito 480 milioni in 6 anni per trovare il bosone di Higgs”. Quindi circa 80 milioni annui. OK

Considera ora che, solo quest’anno, la spesa annua per la incentivazione del fotovoltaico sara’ di ben 6,5 miliardi. Che probabilmente finiranno in buona parte nelle tasche dei soliti faccendieri ben intrallazzati con i palazzi della politica.
Personalmente mi turbano di piu’ i 6,5 miliardi sperperati in modo inefficente che gli 80 milioni per una ricerca di avanguardia che almeno ha prodotto precisamente e brillantemente il risultato per raggiungere il quale era stata impostata.

Ma soprattuto il bosone di Higgs non pesa solo 0,000000000000000000000000035 Kg (che e’ equivalente ad un Gev) ma 126 volte tanto. Quindi la spesa al chilo per l’oggetto scoperto deve essere divisa almeno per cento rispetto a quanto da te stimato 🙂 🙂
Spero che cio’ ti aiuti a rasserenarti.

Ciao, Franco

07/06/2012 19:15

Beh… Allora… 😉
Comunque, ragionando in questi termini mi perplimono più di tutto i 90 caccia acquistati dagli usa alla modica cifra di 200 milioni l’uno!

07/06/2012 19:19

Con questo tipo di scoperte, il rischio è che la gente si dica “sì, ma a me che me ne frega di questa roba”?
Un rischio facilmente scongiurabile con un un pochino di informazione: questo articolo è illuminante: “Al CERN sono lì a scaldare le sedie? …O ci stiamo perdendo qualcosa?”
http://bit.ly/10zjyN7

05/29/2013 20:16

Comment now!
















Trackbacks